Contattaci

IL PROBLEMA DELLA VIOLAZIONE DEI DATI IN UFFICIO È STATO SPERIMENTATO DAL 10% DEGLI IMPIEGATI ITALIANI

Milano, 12.06.2017
Secondo la ricerca commissionata da Sharp, le imprese italiane corrono il rischio di una fuga di dati sensibili, a causa degli impiegati che non prendono sul serio il tema della sicurezza. Il 10% di chi ha risposto al questionario ha affermato, infatti, di avere avuto accesso a informazioni riservate che non avrebbe dovuto conoscere.

Secondo la ricerca commissionata da Sharp, le imprese italiane corrono il rischio di una fuga di dati sensibili, a causa degli impiegati che non prendono sul serio il tema della sicurezza. Il 10% di chi ha risposto al questionario ha affermato, infatti, di avere avuto accesso a informazioni riservate che non avrebbe dovuto conoscere.

Circa il 23% degli intervistati dichiara di condividere file su spazi non protetti anche senza l’approvazione dell’azienda, il 34% ammette di ignorare il protocollo ufficiale e di portare a casa il lavoro da completare (media europea 29%).

Un hardware difficile da usare può essere un elemento negativo per le imprese italiane, circa il 53% degli impiegati (media europea 39%) afferma, infatti, di utilizzare i propri dispositivi - più semplici da utilizzare -per connettersi alla rete aziendale. Il dato arriva al 58,5% e al 56% se si prendono in considerazione rispettivamente i millennials (i nati dopo il 1982) e chi lavora nella divisione IT (media europea circa 47% per entrambe le categorie).

Carlo Alberto Tenchini, Direttore marketing e comunicazione Sharp Italia afferma: “Se si considera che oggi il 75% dei dipendenti lavora da remoto e l’81% degli impiegati accede a documenti di lavoro quando è in viaggio, le imprese devono essere al passo con i dipendenti. È compito dell’azienda trovare il giusto equilibrio tra il nuovo modo di lavorare e la condivisione sicura dei dati”.

A esprimersi sul tema il sociologo De Masi che analizza il fenomeno sotto una duplice chiave “la constatazione che il 75% dei dipendenti lavora da remoto e l’81% degli impiegati accede a documenti di lavoro quando è in viaggio dimostra che finalmente il telelavoro e lo smart work sono diventati modalità organizzative adottate dalla maggioranza dei lavoratori” afferma e continua “Eppure la disinvoltura - dimostrata dai risultati della ricerca - con cui vengono trattati i dati senza le dovute cautele di privacy induce a pensare che abbiamo adottato queste modalità senza la necessaria formazione. Ne deriva una pericolosa fuga di notizie e la necessità di monitorarla costantemente fin quando i “lavoratori" non saranno diventati esperti “telelavoratori"”.

I rischi non sono limitati soltanto all’informazione digitale; il 57% degli impiegati afferma che i colleghi lasciano le stampe nel vassoio della stampante, con un significativo incremento della possibilità che i documenti vengano letti dalle persone sbagliate.

Sharp ha realizzato una guida per migliorare la sicurezza dei dati, disponibile sul sito www.sharpbusiness.it

Sharp Electronics è leader di mercato nella produzione di prodotti B2B, in particolare nel settore della gestione documentale, con stampanti multifunzione e ad alti volumi, e in quello delle Visual Solutions con monitor, lavagne interattive e videowall. Sharp supporta i propri clienti nel creare, gestire, visualizzare e condividere le informazioni, perché la tecnologia è fonte di ispirazione di nuove idee. Dalle matite meccaniche "Ever-Sharp" da cui deriva il nome della Società, alla commercializzazione in Giappone delle prime radio e televisioni, alle prime calcolatrici elettroniche LCD fino alla produzione di celle solari e ai TV LCD Aquos, Sharp crea soluzioni all’avanguardia da oltre 100 anni.